OMEGA 3 OMEGA 6

person Pubblicato da: Dottoressa Agnese Donati list In: salute Sopra: comment Commento: 0 favorite Visite: 256

Omega 3 Omega 6

l'alfa e l'omega del benessere

Gli omega tre e omega sei sono elementi del tutto necessari per il corretto funzionamento dell’organismo sotto vari punti di vista.

La loro funzione più comunemente conosciuta è legata alla composizione delle membrane fosfolipidiche delle cellule.

La differenziazione degli acidi grassi passa attraverso la composizione chimica. Più specificamente è legata alla presenza, o meno, di doppi legami tra atomi di carbonio. La differenza che risiede nel numero di doppi legami da una idea del livello di deterioramento del cibo: maggiori saranno i doppi legami, più facilmente l’alimento sarà sottoposto a processi di ossidazione e dunque irrancidimento.

 

ACIDI GRASSI MONOINSATURI 

presentano un solo doppio legame tra gli atomi di carbonio (salmone e semi di lino)

ACIDI GRASSI POLINSTAURI 

presentano più doppi legami tra atomi di carbonio (oli vegetali)

ACIDI GRASSI SATURI

non presentano doppi legami (salumi, formaggi, latticini e uova)

Gli acidi grassi polinsaturi, di cui fanno parte gli omega tre (o PUFA), si differenziano ulteriormente in catena lunga e catena corta. Gli organismi viventi sono in grado di allungare o accorciare le catene di acidi grassi attraverso l’attivazione di processi enzimatici. I vegetali sono perfettamente in grado di sintetizzare PUFA, cosa che non è possibile nell’uomo il quale dovrà necessariamente integrare i precursori degli stessi acidi grassi per ottenerli.

Il precursore degli omega 3 è l’ALA (acido alfa linoleico). L’ ALA risulta facilmente reperibile nei più conosciuti integratori attualmente in commercio, anche nelle sue sottoclassi: EPA e DHA.

Il precursore degli omega 6 è invece LA (acido linoeleico) e gli elementi più conosciuti che ne derivano sono il GLA (acido gamma- linoeico ) e AA ( acido arachidonico)  .

 

OMEGA TRE

La classe degli omega tre ha una azione importantissima nella tutela dalle malattie cardiovascolari e dunque sulla modulazione della pressione arteriosa. Concorrono a regolare i meccanismi infiammatori, anticamera di moltissime patologie quali: artrite reumatoide, morbo di Chron, la colite ulcerosa, della pelle in caso di psoriasi e dermatite.

L’acido alfa -linoleico è di natura vegetale e lo troviamo negli oli vegetali, canola, verdure a foglia verde, noci.

 

Gli omega tre si dividono in due classi principali: EPA e DHA.

 

Il DHA è molto importante per la struttura delle membrane cellulari e ne aumenta elasticità e fluidità. Anche nel periodo gestazionale un apporto di DHA è preventivo e aiuta lo sviluppo neuronale del feto.

 

L’EPA è importantissima per l’azione antinfiammatoria e antipertensiva in quanto stimola la trasformazione degli omega in eicosanoidi (leucotrieni, prostaglandine e trombossani) ad azione anti trombotica e anti aggregante piastrinico. In particolare l’EPA produrrà prostaglandine di tipo 3 e leucotrieni per il suddetto scopo.

 

Gli omega tre sono presenti solitamente nel pesce, acciughe, merluzzo, salmone atlantico, tonno, sgombro, oli di pesce, semi di lino, olio di lino e noci.

 

OMEGA SEI 

Il precursore degli omega 6 è l’acido linoleico (AL) da cui derivano i più importanti omega della suddetta categoria: l’acido gamma-linoleico (GLA) e l’acido arachidonico (AA), si trovano prevalentemente negli oli vegetali.  

 

È bene conservare il giusto rapporto tra omega 6 e omega 3. Questi ultimi hanno un’azione antiaggregante che si oppone a quella dell’acido arachidonico dal potere pro infiammatorio in quanto stimola la produzione di prostglandine e trombossani che hanno effetti negativi quali aggregazione piastrinica, ipertensione aumento delle reazioni allergiche e infiammatorie. Diciamo che il giusto equilibrio fra le parti manterrà lo stato di omeostasi più a lungo.

 

Abbassano il colesterolo, sia l’HDL che lo LDL, importanti nella crescita fetale e nello sviluppo del sistema nervoso del nascituro.

 

Riassumendo, i benefici nell'assunzione protratta nel tempo degli omega riguardano tantissimi aspetti della nostra salute:

-       abbassamento della trigliceridemia, del colesterolo ed in particolare aumentano lo HDL

-       attività antinfiammatoria e miglioramento della compliance vascolare del micro circolo

-      supporto al sistema immunitario e a quello nervoso con l’obiettivo di mantenere alta la funzione cognitiva e contrastare l’invecchiamento delle cellule nervose

 

Si consiglia una assunzione quotidiana che va dai 500 ai 1.500 mg. Controindicazioni non sono state riscontrate a parte eruttazioni, difficoltà nella digestione che possono esser legate alla sensibilità individuale.

Commenti

Nessun commento in questo momento!

Lascia il tuo commento

Domenica Lunedi Martedì Mercoledì Giovedi Venerdì Sabato Gennaio Febbraio Marzo Aprile Può Giugno luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre

Nuovo Registro conti

Hai già un account?
Entra invece O Resetta la password